High Quality e trasferimento tecnologico: il Made in Italy vincente

Il caso OZ Racing

Lerrj Piazza
Marketing Manager @OZ Racing

Uno dei brand più conosciuti a livello mondiale è il Made in Italy. È universalmente riconosciuta, infatti, la qualità dei prodotti realizzati in Italia perché frutto di solide competenze artigianali, cura dei particolari, tradizione ed estro creativo.

Ma spesso il fare non basta, bisogna anche comunicare. Marco Bettiol in “Raccontare il Made in Italy” spiega che l’allargamento dei mercati in cui operano le nostre imprese è coinciso con la necessità di spiegare in modo nuovo ed efficace le ragioni in cui si fonda il valore del prodotto italiano.

Nell’economia delle esperienze, infatti, i contenuti rappresentano un aspetto sempre più qualificante dell’esperienza offerta perché contribuiscono a far associare il prodotto a un preciso contesto d’uso e a dei significati originali, diciamo memorabili, che lo distinguono dalla concorrenza. 

Vediamo insieme il caso OZ Racing, produttore leader italiano e mondiale di cerchi in lega leggera per automobili e motocicli che ha vinto la sfida di raccontare la qualità del prodotto italiano esportando in più di 70 paesi esteri.

 

La strategia di OZ

 

Diciamo prima due parole sull’azienda. Nata nel 1971 a Rossano Veneto, prende il nome dalle iniziali dei suoi fondatori, Silvano Oselladore e Pietro Zen, due amici appassionati di corse a due e quattro ruote che hanno creato il primo cerchio in lega leggera OZ da competizione nel retro di un distributore di benzina. 

Negli anni seguenti i prodotti OZ cominciano ad essere richiesti nelle gare locali in equipaggiamento di importanti team privati fino alla nascita, nel 1984, della divisione OZ Racing, con l’avvio della produzione di ruote per la Formula 1. 

Per quanto il mondo della competizione, Formula 1 e Rally, sia quello che ha garantito all’azienda maggiore visibilità nel veicolare i valori del marchio, OZ produce e commercializza prodotti e cerchi in lega per auto e moto di tutti i giorni. 

Arriviamo al punto. La complessità dell’azienda OZ rispetto ai concorrenti è legata a due piani: la competizione in comunicazione e la sfida vera sui volumi di vendita. Qual è lo scenario? Vi sono brand del settore, solitamente americani, molto abili nella comunicazione ma scarsi a livello di volumi. OZ cerca di porsi su un piano di eccellenza sia sul campo della comunicazione che cercando “di mettere a terra i cavalli” e convertire in fatturato. 

Il punto di forza di OZ, oltre alla qualità riconosciuta dei suoi prodotti che appartengono a una storia automobilistica, quella italiana, che ha un prestigio consolidato, è stato adottare una strategia commerciale multi-brand veicolata da una distribuzione multi-channel. 

Sono quattro, infatti, i settori di mercato su cui lavora (Racing, After Market, Motorbike e OES) e il suo portafoglio prodotti si sviluppa su tre diversi marchi (OZ Racing, MSW e Sparco Wheels), i cui valori sono comunicati su più canali. Ciò ha portato all’indubbio vantaggio di offrire una vasta scelta di prodotti, incontrando le esigenze di ogni tipo di clientela. La mission del brand è duplice, da un lato innovare, soprattutto nel mondo dello sport, ma poi trasferire questo patrimonio di conoscenze anche agli utenti di tutti i giorni.

 

La customer centricity

 

Per quanto nel 95% dei casi il prodotto venga venduto tramite un mediatore (gommista, negozio specializzato etc.), l’azienda ha compreso l’importanza di interagire direttamente con il consumatore finale, terminale ultimo della comunicazione. Lo fa attraverso due step: 

  • Potenziamento dei processi di Customer Service sia attraverso il dialogo topdown con il consumatore attraverso i canali sia con l’interazione diretta dei messaggi privati 
  • Utilizzo del digitale come opportunità di ascolto del mercato e per raggiungere più persone target possibili su cui convergere i valori dell’azienda. Il brand, tramite i contenuti che pubblica, vuole ispirare le persone. 

Ne sono un esempio i video emozionali e informativi che OZ ha realizzato sul suo canale Youtube OZ Racing Wheels che hanno riscosso e continuano a riscuotere grande interesse da parte dei blogger di settore e non solo, diventando virali.